Morti – Mrtvi – Djordje Balasevic – 2000

devedesete-omot

Dall’album: Devedesete, 2000

Mi permetto con immensa ammirazione di pubblicare la traduzione di Filip della canzone “Mrtvi” (Morti) pubblicata nel suo blog Disamistade.

MORTI

Spinto via da pubblicità e cattive notizie sono finito sul terzo canale dove,
per qualche strano motivo, scorreva una famosa burlesca…
Tutti quegli scherzi e le stesse facce un album di fotografie da sfogliare malinconicamente, come un quaderno d’appunti trovato sul fondo del cassetto

il sorriso si ghiaccia all’istante: dove sono, ora, Stanlio & Ollio e questo strabico arrabbiato ed il suo cane bianco?

Oh, sono tutti morti, portati via…
L’edera da tempo ha ricoperto i versi,
dal male e dalle fatiche si sono liberati ma una brillante allegria, come un’aureola ancora pioviggina loro attorno.

Erano tempi di vendemmia, è rimasta una foto di lei, in un anno sconosciuto del Signore…
Beh, comunque, quelle botti sono state bevute da tempo!
Papà col cappello, risaputo, in tweed scarica la cesta dalle spalle,
il nonno depone il fieno falciato davanti allo stallone, all’ombra bruna dei peschi riconosco mia madre solo per la camicetta ed è come se sentissi implorazioni e risatine lungo la via, ma sono tutti morti, e beati…

L’edera da tempo ha ricoperto i versi, da tempi nefasti sono stati risparmiati  una traccia d’onestà e di bontà, come un’aureola ancora pioviggina loro attorno. Nell’annuario scolastico acce importanti di fighetti e sfigati ma solo un motto: “Tienti forte, Pianeta!”

Sognatori, geni, campioni sacrificati come pedine. Sono cadute le bandiere nel quarantacinque, ogni volta che li incontro, si lamentano bisbigliano come cospiratori, ma è un alito ubriaco il vento che non alza aquiloni.

Tanto, sono già morti, e camminano… Io non sono nato per aspettare la rovina, no, la mia vita non è in vendita
e quando lavori a maglia la tua aureola non c’è luogo più adatto dell’oscurità…

Versione originale:

MRTVI

Od loših vesti i reklama prognan, utekoh na treći program
Gde je, nekim čudom, tekla poznata burleska…
Svi oni gegovi i lica ista… Slikovnica što se lista…
Setno, ko na dnu škrinje nađena sveska…
Osmeh se zaledi na čas… Gde su sad Laurel i Hardi…
I ovaj ljuti zrika… I njegov beli psić?

O, svi su mrtvi… Odneseni…
Bršljan je davno prekrio stih…
Od zla i briga su rešeni…
Al divna ludost ko oreol još rominja oko njih…

Bila je berba… Osta fotka od nje… Leto neznano gospodnje…
No, uglavnom, ta su burad otkad popijena…
ćale s kačketom, čuvenim, od tvida, putunju sa leđa skida…
Deda pred vranca spušta otkose sena…
U smeđoj senci bresaka samo po bluzi poznam majku…
I ko da čujem mobu… I kikote niz drum..

Al svi su mrtvi… I blaženi…
Bršljan je davno prekrio stih…
Od zlih vremena su spašeni…
A trag poštenja i dobrote ko oreol još rominja oko njih…

U godišnjaku škole važna lica šmekera i bubalica…
Ali samo jedan moto: Drži se, Planeto…
Sanjari… Genijalci…Šampioni… Žrtvovani ko pioni…
Pale su zastave u četrdes petoj…
Kadgod ih sretnem, žale se… Sapuću ko zaverenici…
Al pijan dah je vetar što zmaja ne diže…

Ma, već su mrtvi… A hodaju…
Ja nisam rođen da čekam smak… Moj život nije na prodaju…
A kad pleteš svoj oreol za to i nema mesta boljeg nego mrak…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...